Note

[1] De muris eiusdem, sotto al quale si legge Incipit Tractatus de mirabilibus Rome extractus de libro aureo Ri

[2] De ~ Romanae om. ReRiO1

[3] XLVIIII propugnacula om. DONRi

[4] iuxta templum Remi dopo Pauli O1

[5] in quo] ubi ReO1

[6] Lateraii DORe Lateranum O1

[7] mais DO maisis Ri

[8] thaurina Re Tiburtina RiO1

[9] Lateranensis ~ Taurina, que dicitur om. N

[10] Puciana DORi

[11] Flamminea Ri

[12] Collinea O1

[13] pontem Sancti Petri] Sanctum Petrum Ri

[14] De portis Transtiberim om. ReO1

[15] Septiniana DO Settimana Ri Septimgiana O1

[16] facte fuerunt ReO1

[17] De ~ Petri om. ReO1

[18] alia ORiO1

[19] Viridaria RiO1 (la porta era chiamata anche di San Pellegrino)

[20] infra Romam om. ReO1

[21] Ianiculus Re

[22] Ianarius corr. in Ianuarius Re Ianarii Ri

[23] Sabe corr. in Sabine Re (la chiesa in realtà si trova sull’Aventino)

[24] Quiralis DORi Quinilis O1

[25] Confusione mutuata dai Mirabilia

[26] Palentium O1

[27] Vimialis ORi

[28] Su questa leggenda si rinvia alla nota sintetica di Valentini e Zucchetti: “Una tarda leggenda narrava che Vergilio fosse stato esposto al ridicolo del popolo romano, sospeso in un canestro all’esterno di una torre, per opera di un’amante che così lo aveva atrocemente burlato. Il poeta, che nella leggenda è trasformato in negromante, si vendica dell’offesa facendo spegnere nella città tutti i fuochi e invitando i cittadini a ricercare la fiamma nelle parti pudende della donna, che rimase così alla sua volta esposta al ludibrio del pubblico. I Romani, indignati, afferrano Virgilio e lo cacciano in prigione, donde egli si libera, secondo una versione scomparendo in una aeronave, secondo un’altra immergendosi in un bacino d’acqua. La leggenda è collocata sulle pendici del Quirinale (non Viminale) per trovare una spiegazione al toponimo Magnanapoli, probabile corruzione di balnea Pauli. La burla del canestro, come avverte il Comparetti (Virgilio nel medio evo, Firenze 1896, p. 117), ricorre attribuita , prima forse che a Vergilio, ad Ippocrate, in un Fablieau, e lo spegnimento dei fuochi e la fuga dalla prigione per arte magica, come anche un’espressione nanaloga a quella messa in bocca a Virgilio, si ritrovano negli atti di san Leona taumaturgo, vescovo di Catania, a proposito del mago Eliodoro.

[29] Neapulim O1

[30] pons Milvius om. O1

[31] In margine ad Adriani Re ha fauni

[32] Sta per Fabricii, che però sarebbe il pons Iudeorum. Valentini e Zucchetti, ipotizzando una trasposizione, proponevano di riordinare il testo così: Pons Adrianus; iuxta ipsum pons Neronianus; pons Antoninus; pons Fabiani [i. e. Fabricii], qui dicitur Iudeorum, quia ibi Iudei habitant.

[33] pons Neronianus pons Antoninus om. ReO1

[34] Nel ms. Vat. Rossiano VII 37 segue id est Lapideus

[35] Velentinianus O1

[36] Rome om. ReO1

[37] Palentheo Re

[38] Dovrebbe trattarsi delle terme di Tito e Traiano al colle Oppio.

[39] Valentini e Zucchetti rilevano che l’inconsueto nome si incontra anche in un documento del 1493 citato in Lanciani, Storia degli scavi, III, p. 159.

[40] Edificio che dovrebbe corrispondere al tempio di Venere e Roma, anche se l’ubicazione tra le due chiese sembrerebbe confarsi maggiormente alla basilica di Massenzio.

[41] palatium Constantini om. ReO1 Constantii O Constancii DN

[42] Il ms. Vat. Rossiano VII 37 aggiunge ubi nunc pelles caprine venduntur.

[43] Chromatii ReO1

[44] Il ms. Vat. Rossiano VII 37 aggiunge est in theatro prope S. Laurentium in Damasso in campo Flore.

[45] Dovrebbe trattarsi dell’Augusta.

[46] quo ReO1

[47] in om. ReO1

[48] et om. ReO1

[49] Apiam DNRi

[50] Coloseum ReO

[51] Valentini e Zucchetti rilevano che una contrada de Tosectis nella regione Colonna è indicata nel Liber anniversariorum della confraternita del Salvatore (Necrologi e libri affini della provincia romana, I, p. 320).

[52] Il ms. Vat. Rossiano VII 37 aggiunge ubi nunc venduntur ciathi.

[53] arcus Panis Aurei om. ReO1

[54] meum om. ReO1

[55] La leggenda sarebbe nata da un bassorilievo, forse del foro di Traiano, rappresentante una provincia inginocchiata davanti all’imperatore a cavallo, circondato da soldati. Il legame con l’arco della Pietà sarebbe successivo alla rovina del foro e alla scomparsa del bassorilievo: vd. Graf, Roma nella memoria e nelle immaginazioni del Medioevo, pp. 375 sgg.

[56] Dumetiane ReO1

[57] Dyocletiane ~ Maximiane om. ReO1

[58] Allexandrine DRe

[59] Si tratta del complesso di S. Salvatore de Thermis, che dipendeva dall’abbazia di Farfa.

[60] civitatis Romane om. ReO1 Rome DRi

[61] Tyti ReO1

[62] theatrum Alexandri ~ Crescentii et om. ReO1

[63] Flammineum RiReO1

[64] urbis Romane om. ReO1

[65] ibi est ReO1

[66] cimiterium Ursi ~ Felicis om. O

[67] Apiam DRiO1

[68] ad Sanctum Appolinarem om. O1, aggiunto da mano correttrice in Re

[69] Ovvero il cimiterium Gordianum.

[70] Pilleatum DON

[71] Sanctum Vivianum O1 Sabinam corr. da Bivianam Re

[72] muros] tauros DRi

[73] nimpham RiO1 (fontem aggiunto da mano correttrice in Re) nimphas corr. Valentini- Zucchetti

[74] Valentini e Zucchetti notano che nei Mirabilia del codice della Bibl. Nazionale di Vienna Lat. 425, del sec. XIV, il cimitero è chiamato anche Ostriani, ubi Petrus baptizavit, ed è ricordato insieme al cimiterium Noelle.

[75] ad clivum om. ReO1

[76] Ardeanna DON

[77] cimiterium Sancti Marcelli ~ Paulum om. ReO1

[78] Sancte ORe

[79] Domicille DNO1

[80] Ciriaci ORiO1

[81] De locis passionum ReO1

[82] Apiam RiO1

[83] dicenti om. DONRi

[84] ibi] ubi fuit ReO1

[85] Valentini e Zucchetti espungevano questo id est

[86] clunis DN clavis Re cluni Ri elavis O1

[87] cor O cor, sormontato da un titulus, O1

[88] sancte ReO1

[89] Cornelia ReO1

[90] Eliogabalii Re Diogabali O1

[91] in introitu] introitum ReO1

[92] Catenata RiRe

[93] et diviserunt om. ReO1

[94] Canapara O1 Cannapata Re

[95] Difficile dire se si tratti di una qualche confusione paleografica con una forma come subter, oppure di un errore polare dell’autore.

[96] Panisperma Ri Paliperna Re Palip, con titulus sulla p finale, O

[97] Traiani om. ReO1

[98] ubi Decius ~ Cornutis om. ReO1

[99] Flammeus Ri Flammineus Re

[100] Transtiberim ORi

[101] et fundens DO

[102] effundens oleum om. ReO1

[103] Transtiberim ORiO1

[104] Appollinis ORi Appolinis O1 Apolinis Re

[105] basilica que vocatur om. ReO1

[106] musibeo DO

[107] laqueatum DOReO1

[108] auro et vitro] Et DO om. ReO1

[109] Appollinis ORiRe Appolinis O1

[110] splendidus ReO1

[111] sibi om. ReO1

[112] Cesar om. DORi

[113] Valentini e Zucchetti rilevano che i codici CVB inseriscono a questo punto alcuni versi tratti dallo Speculum regum di Gotofredo da Viterbo (MGH, Script. XXII, p. 67, nn. 837-839): Mira sepultura stat Cesaris alta colupna, / regia structura, que rite vocatur agula; / aurea concha patet, qua cinis ipse iacet. Il secondo verso nel Vat. Rossiano VII 37 suona dicta fuit Iulia, sed vulgus dicit agullam.

[114] que stabat in Roma om. ReO1

[115] portas ReO1

[116] in Roma om. ReO1

[117] et Pompey DO et Pompeii Ri et Ponpei Re

[118] Appollinis ORi Appolinis O1

[119] in Roma om. ReO1

[120] Appollinis ORiRe Appolinis O1

[121] Camillano O1

[122] Quiricus O1 Ciriacus Ri

[123] Calcatari O Calcarii O1

[124] in Roma om. ReO1

[125] aurum mss., corr. Valentini-Zucchetti

[126] Vale la pena di riportare la nota di Valentini e Zucchetti: “Da intendere che l’immagine della provincia ribelle si volgeva nella direzione della provincia stessa, come risulta dal testo del cod. della Bibl. Naz. di Vienna Lat. 425: In ‹Capitolio› LXXII imagines eree stabant, ad similitudinem septuaginta duarum linguarum, habentes scriptum in pectore singulas provincias. Et si aliqua gens nitebatur insurgere contra Romanum imperium, statim ymago vertebatur contra illam provinciam, cuius scriptum retinebat in pectore. E non da riferire all’immagine dell’impero romano, come afferma il testo De mirabilibus del cod. Barb. Lat. 2687: Vertebat dorsum suum versus ymaginem urbis Rome, que maior erat super alias tanquam domina, e del cod. Vat. Lat. 2035.

[127] foris mss.

[128] Carmelariam DO Carmeliariam Ri

[129] Capitolo mancante in ReO1

[130] Equi ReO1

[131] et quid numerent om. ReO1

[132] concham porfireticam (porphi- Re) ReO1

[133] Praxitellus O1 Prassitellus Re

[134] Quos imperator cognoscens ~ stant] Qui dixerunt se tante sapientie esse (esse om. Re) ut quidquid dominus imperator illis absentibus (absentibus om. Re) in camera consciliaretur (consiliaretur Re), illi referrent ei usque ad unum verbum. Quod (Qui Re) quidem fecerunt et imperatorum (imperatorum et Re, da emendare comunque in imperatorem) postulaverunt (predicti phi‹lo›sophi add. Re) non pecuniam, sed eorum memoriam. Fecerunt itaque fieri (fecerunt add. Re) equos qui calcant terram, id est potentes principes huius seculi; in hoc quod seminudi stant ReO1

[135] mundi ReO1

[136] significat ~ adire] predicatores significat qui predicant (predicabunt Re) eam ut quicumque ad eam ire (predicare Re) ReO1

[137] Capitolo omesso in ReO1

[138] Capitolo omesso in ReO1

[139] Capitolo omesso in ReO1

[140] Testo omesso in ReO1

[141] enei DRi

[142] De hystoria ~ Roma] De caballo Constantinii ReO1

[143] Capitolo omesso in ReO1

[144] Segue et beati Sixti et captio beati Laurentii Ri

[145] Capitolo omesso in ReO1

[146] Capitolo omesso in ReO1

[147] Capitolo omesso in ReO1

[148] camerinis V

[149] diversis coloribus et cavernis aptatam C

[150] per fistulas plumbeas subtiles proluvie mictebantur C

[151] cum sole et luna C

[152] signans C

[153] pallam Romani O1

[154] gerebant O1

[155] destrui ~ devotione] destrui cum multis aliis templis, ne oratores vel peregrini qui Romam venirent per hedifitia antiqua vel deorum vana venirent, sed per ecclesias cum magna devotione C

[156] ante ~ memoria] cum pila in Laterano C